Le termiti che proteggono dalla siccità

termiti proteggono dalla siccità

Promuovendo la decomposizione della materia vivente, le termiti facilitano il ciclo dei nutrienti e mantengono il corretto livello di umidità nel terreno, proteggendo il suolo dalla siccità. La scoperta rivela che le comunità biologiche intatte possono agire come una sorta di assicurazione ecologica, mantenendo stabili gli ecosistemi durante i periodi di stress ambientale

Un nuovo importante studio pubblicato su “Science” da una collaborazione tra l’Università di Liverpool, l’Università di Hong Kong e il Museo di storia naturale di Londra, ha scoperto che l’azione di questi insetti ha un importante effetto sul clima, perché mitiga gli effetti della siccità nelle foreste pluviali tropicali.

I ricercatori hanno confrontato i siti con molte termiti con siti in cui le termiti erano state rimosse sperimentalmente. Hanno così scoperto che nei siti con termiti, l’abbondanza degli insetti aumentava durante il periodo di siccità e diminuiva nel periodo di non-siccità. Il risultato è che durante la siccità l’humus mostrava tassi più elevati di decomposizione e il ciclo dei nutrienti era più rapido; inoltre, l’umidità del suolo risultava aumentata, così come i tassi di sopravvivenza delle nuove piante, rispetto al periodo di non-siccità.

L’influenza delle termiti sugli ecosistemi, argomentano ancora i ricercatori, non riguarda solo la foresta pluviale tropicale incontaminata, ma si estende probabilmente anche a terreni prossimi alle attività umane e addirittura agli ecosistemi agricoli. Ciò pone in evidenza che preservando le comunità di termiti, probabilmente si potrebbero  mitigare gli effetti più drammatici della siccità nelle aree particolarmente sensibili.

Fonte: articolo pubblicato sul sito lescienze.it – qui è possibile leggere l’articolo originale