Che cos’è il virus del Nilo e quali sono i suoi sintomi?

virus nile

Il mezzo di diffusione dell’infezione è il morso delle zanzare. L’infezione proviene dall’Africa, come indica il nome, ed è attualmente diffusa in diversi Paesi, tra cui gli Stati Uniti.
Altre possibili vie di infezione sono le trasfusioni di sangue da persone infette. È anche possibile che sia la madre a contagiare il bambino durante l’allattamento o durante la gravidanza, anche se sono casi che gli specialisti stanno ancora studiando.

L’infezione provoca infiammazione nel cervello o nel midollo spinale, che mette a rischio la vita delle persone colpite. Ecco perché è importante essere consapevoli dei sintomi. Se altri insorgono come disorientamento o torcicollo, nonché tremori muscolari, l’appuntamento con il medico dovrebbe essere urgente.

D’altra parte, per prevenire l’infezione, è necessario tenere i contenitori d’acqua coperti, nonché cambiare l’acqua dei fiori ogni giorno. Eliminare bottiglie inutilizzate che possono diventare il centro dei nidi di zanzara.
Il virus del Nilo è pericoloso se non viene trattato in tempo. La prevenzione è semplice, in quanto si tratta di pulire ed eliminare possibili siti di riproduzione per le zanzare.

Fonte: articolo pubblicato sul sito infinitynews.it – qui è possibile leggere l’articolo originale