Virus dell’epatite mutato? Casi di esseri umani infetti da epatite da ratto

virus epatite ratti

A ottobre, il primo paziente infettato dalla variante di ratto del virus dell’epatite E. Ora c’è un altro caso a Hong Kong. Infettivologi preoccupati. S’intensifichino i controlli igienico-sanitari sulle navi provenienti dal territorio autonomo cinese

I media di mezzo mondo avevano, infatti, rilanciato la notizia di un uomo di 56 anni che era stato contagiato da un “parente molto lontano” della variante umana del virus, come avevano confermato i ricercatori dell’Università di Hong Kong che ne avevano seguito il caso. Ora, un altro paziente sarebbe stato contagiato sempre a Hong Kong. Una circostanza che preoccupa gli infettivologi che temono che il virus sia mutato e possa essere trasmesso più facilmente tra gli animali e gli esseri umani. Colpita dal virus dell’epatite E di ratto, questa volta è una donna di 70 anni che, come il primo paziente, sarebbe immunodepressa e pertanto più facilmente contagiabile.

In realtà gli eventi risalirebbero al maggio 2017, quando i pazienti sono stati ricoverati in ospedale con i sintomi tipici del virus dell’epatite E umana (dolori addominali, perdita di appetito, perdita di peso e mal di testa). Come e dove le persone colpite sono state contagiate non è ancora chiaro. Sebbene entrambi provengano dallo stesso distretto di Hong Kong, tuttavia, i medici escludono una connessione.

Fonte: articolo pubblicato sul sito castedduonline.it – qui è possibile leggere l’articolo originale