Come riconoscere l’allergia agli acari della polvere

riconoscere allergia agli acari della polvere

Si nutrono di pelle morta, come riconoscere (e stoppare) l’allergia agli acari della polvere

Gli acari della polvere sono insetti dalle dimensioni microscopiche non visibili ad occhio nudo, appartenenti a diverse specie. I responsabili delle nostre allergie sono chiamati acari della polvere di casa, dato che vivono perennemente all’interno delle nostre abitazioni senza che noi ce ne accorgiamo. L’allergia agli acari è tra le più diffuse: secondo le più recenti statistiche, quasi il 50% della popolazione palermitana soffre di disturbi respiratori a causa degli allergeni contenuti nella polvere.

Questi microrganismi si nutrono di desquamazioni umane come forfora, residui di pelle, capelli e unghie, e animali e sono in grado di scatenare reazioni allergiche anche di tipo asmatico. Riescono ad adattarsi ad ogni condizione climatica ed ambiente, ma tendono a  proliferare in condizioni ambientali e climatiche favorevoli, prediligendo temperature sopra i 20°C e percentuali di umidità oltre il 50%; sotto i 16°C la durata della loro vita si riduce circa del 75%, ma riescono a sopravvivere anche a 0°C. Necessitano inoltre di assenza di luce: gli acari si annidano soprattutto negli strati interni del materasso e dei cuscini proprio perché non sopportano la luce solare.

A differenza delle allergie stagionali, come quella alle graminacee, l’allergia agli acari è di tipo perenne, dato che questi microrganismi proliferano tutto l’anno, ma l’umidità del riscaldamento invernale e le piogge primaverili ne favoriscono la riproduzione, facendo peggiorare i sintomi. A provocare il vero e proprio attacco allergico non sono gli acari in quanto tali, ma gli enzimi che rilasciano attraverso le feci e la decomposizione.

Come riconoscere l’allergia agli acari della polvere

Alcuni segni e sintomi dell’allergia agli acari della polvere sono piuttosto simili a quelli di un comune raffreddore, ma alcuni semplici fattori possono aiutarci a riconoscere una rinite allergica da un’affezione virale delle vie aeree.
I più importanti sono:

• sintomi persistenti e prolungati nel tempo
• accentuarsi dei sintomi in particolari situazioni, come in ambienti particolarmente umidi o polverosi

Fonte: articolo pubblicato sul sito palermotoday.it – qui è possibile leggere l’articolo originale