Quando la derattizzazione è consigliata

quando effettuare la derattizzazione

Si tende a considerare la presenza di animali infestanti come la conseguenza della scarsa pulizia degli ambienti.

La derattizzazione e la disinfestazione sono attività che riguardano l’igiene di un edificio, ma non è detto che la necessità di effettuare questo tipo di interventi sia da correlare alla scarsa pulizia degli stessi. Questo è vero soprattutto per quanto riguarda i ratti e in particolare in località quali i centri cittadini o zone in cui sono presenti vecchie abitazioni. I ratti infatti tendono a vivere a stretto contatto con l’uomo e ovunque sia per loro disponibile del cibo. In molti casi le case infestate dai ratti sono poste in ampi agglomerati.

Le motivazioni per cui è consigliabile effettuare una regolare derattizzazione di alcuni ambienti derivano certamente dal disturbo che questi piccoli animali possono arrecare, ma non solo. In effetti il ratto può essere il vettore di alcune pericolose malattie. Visto che tendono a prediligere luoghi in cui sono disponibili scorte alimentari di vario genere, possono anche arrivare a contaminare gli alimenti con cui vengono a contatto e la possibilità di contrarre alcune malattie a causa della presenza di ratti in casa è quindi molto elevata

In linea generale è opportuno intervenire con la derattizzazione ogni qualvolta si noti la presenza dei ratti, ad esempio dopo aver visto delle feci in qualche zona della casa, o anche per la presenza di rosicchiamenti di cavi, libri, o altri tipi di materiale. Conviene sempre contattare sin da subito un esperto del settore, perché l’effettiva derattizzazione di un immobile è ardua da effettuare, soprattutto se i ratti sono presenti da tempo.

Fonte: articolo pubblicato sul sito varesenews.it – qui è possibile leggere l’articolo originale