Ti trovi in: Home > Artropodi patogeni > Acaro del pelo del gatto (Cheyletiella Blakei)

Acaro del pelo del gatto

Acaro del pelo del gatto (Cheyletiella blakei)

Focolaio dell’infestazione: Gatto, sopratutto se a pelo lungo (es. persiano). Cane.

Diffusione ambientale: Cuccia, poltrone e divani dove sostano gli animali. I parassiti si infilano anche nelle maglie, maglioni, biancheria e tra le lenzuola.

Biologia: Acaro parassita del pelo del gatto (C.blakei) più raro nel cane (C. yasguri), caratterizzato da due appendici anteriori uncinate. Compie l’intero ciclo sull’animale senza causargli, in genere, grossi problemi dermatologici, per cui il suo mantello appare quasi sempre perfetto ed il parassita non viene facilmente rilevato all’esame ispettivo del veterinario. Può raggiungere l’ambiente ma qui, lontano dall’ospite, sopravvive solo 7/10 giorni.

Ruolo patogeno: Lesioni eritemato-papulo-pomfoidi.

Fonte: Dr. Mario Principato, entomologo e acarologo dell’Università di Perugia.