Arriva un nuovo metodo per la lotta alle zanzare

nuovo metodo lotta alle zanzare

Dalle nuove metodologie biotecnologiche per contrastare la diffusione della zanzara tigre a ‘Hortextreme’ la serra per coltivare microverdure a bordo di veicoli spaziali. Tecnologie all’avanguardia per produrre packaging 100% biodegradabile dagli scarti caseari e ‘Mig’, un orto mobile per militari in missione di pace. Sono alcune delle soluzioni tecnologiche che Enea presenterà al ‘Maker Faire Rome 2019’.

Per la lotta contro le zanzare, l’Enea ha sviluppato un metodo biotecnologico per limitare la riproduzione della zanzara tigre e abbattere le sue capacità di trasmettere virus tropicali senza ricorrere a radiazioni mutagene o manipolazioni del Dna. “Questo risultato è stato possibile grazie all’introduzione nella zanzara in laboratorio di ceppi specifici del batterio wolbachia – spiega una nota Enea – innocuo per l’uomo e comunemente presente in gran parte degli insetti, con un duplice effetto: attraverso il rilascio sul territorio della linea di maschi sterilizzanti, le femmine manifestano un azzeramento della trasmissione del virus Zika e una riduzione a meno del 5% di quella dei virus di dengue e chikungunya, mentre i maschi rendono sterili le femmine selvatiche con cui si accoppiano”.

Sintesi articolo pubblicato sul sito laleggepertutti.it

Fonte: articolo pubblicato sul sito laleggepertutti.it – qui è possibile leggere l’articolo originale