Sanificazione ambientale, ecco la nuova tecnologia anti-Covid

nuova tecnologia sanificazione anti-covid

Il gruppo Beghelli, in collaborazione con l’università di Padova, sta lanciando un dispositivo in grado di quasi azzerare il rischio di contagio in ambienti indoor: si basa sui raggi ultravioletti.

La tecnologia UV-C per la sanificazione dell’aria in ambienti indoor ha già ricevuto la certificazione del Dipartimento di Medicina Molecolare dell’Università degli Studi di Padova: dopo una serie di analisi è infatti venuto fuori che il “SanificaAria” Beghelli è in grado ridurre approssimativamente a zero i rischi di infezioni causate da agenti infettivi tra cui anche i virus.

La scoperta è ancora al vaglio del mondo scientifico, ma potrebbe rappresentare una piccola svolta nella lotta contro la pandemia, soprattutto per uffici, scuole, ristoranti, bar, palestre, ospedali, industrie, fino ad arrivare alle abitazioni private. Il dispositivo permetterebbe dunque di sanificare l’aria attraverso un sistema a camera chiusa saturato con raggi UV-C. Attraverso l’esclusiva tecnologia uvOxy®, utilizzata da Beghelli, i raggi ultravioletti restano sempre confinati all’interno della cella di flusso dell’apparecchio senza entrare in contatto diretto con le persone. E la sanificazione può essere quindi continua, 24 ore al giorno.

Fonte: articolo pubblicato sul sito firstonline.info – qui è possibile leggere l’articolo originale