Morsi cimici da letto: le cause e come eliminarle

morsi cimici dei letti

Sono dei piccoli insetti che appartengono alla famiglia degli ematofagi e si chiamano in questo modo in quanto solitamente tendono a trovarsi nelle fessure dei letti oppure sulla testiera dove trovano rifugio. Per sopravvivere, necessitano di sangue umano e per questa ragione è possibile alcune volte di avere dei morsi cimici da letto sul braccio o le gambe.

Durante il giorno sono poco attive, in quanto tendono a muoversi soprattutto la notte, agendo indisturbate. Durante questa fase notturna escono dai propri nascondigli cercando i soggetti che dormono per poter succhiare il sangue di cui si cibano per poter sopravvivere. I morsi cimici da letto possono causare macchie rosse e prurito, ma non sono pericolosi.

Note anche come cimici del materasso possono pungere nel cuore della notte, ma non sono pericolose e non trasmettono malattie, ma danno adito a una sensazione fastidiosa e di prurito, oltre a qualche arrossamento e rossore.

Di notte sono attratte soprattutto dal calore, quindi tendono a uscire dal loro nascondiglio dove sono state per buona parte del giorno. Prediligono soprattutto la notte, ma è possibile trovarle anche durante il giorno vicino a fonti di luce o alle finestre per trovare riparo e calore. Oltre che nei luoghi già citati, è possibile trovarle anche nei vestiti e valigie, quindi attenzione quando si va negli hotel o si torna a casa da un viaggio.

Per prevenire ed evitare i morsi cimici da letto, una soluzione potrebbe essere quella di affidarsi a un buon repellente. Considerando che gli insetticida sono nocivi per gli esseri umani e anche per gli animali domestici se si hanno in casa, è consigliabile puntare su un altro dispositivo che è valido ed efficace al tempo stesso.

Fonte: articolo pubblicato sul sito notizie.it – qui è possibile leggere l’articolo originale