Gli insetti più letali al mondo: ecco quali sono

insetti letali

Le malattie trasmesse dalle zanzare, si calcola, provocano ogni anno un centinaio di migliaia di morti in tutto il mondo, e non per nulla è considerata il primo animale killer del mondo. Esistono 3000 specie conosciute, la le responsabili della diffusione di malattie sono 3. Un esempio ne è la malaria, che probabilmente è la più conosciuta, ma esistono molte altre:

Zanzara Anopheles: responsabile della trasmissione della malaria,
Zanzara Culex trasmette filariosi, encefalite e il virus del Nilo,
Zanzara Aedes (specie a cui appartiene la zanzara tigre) trasmette febbre gialla, dengue, encefalite, chikungunya.

Formiche rosse
Le formiche rosse, originarie dell’America centrale e occidentale, Pogonomyrmex maricopa hanno un veleno che viene considerato una delle sostanze più tossiche.Le punture di questa formica provocano una reazione sistemica nei vertebrati. Tale specificità suggerisce che questo veleno è un composto che si è evoluto per servire da difesa.

Formiche proiettili
Questo tipo di formiche, della specie Paraponera clavata, vivono nelle foreste pluviali del Sud America e sono un vero e proprio strumento di tortura. Viene chiamata formica proiettile perchè dolore che causa viene spesso paragonato a quello di un colpo di pistola a bruciapelo, è valutato al quarto grado (cioè, il massimo) della scala Shmidt (sistema di valutazione delle punture di insetti per gli entomologi).

Insetti più letali: Mosche Botfly
Queste mosche sono della specie antropofaga (dermatobia hominis), parassiti del uomo, e sono originarie del Centro e Sud America. Si servono di insetti trasportatori – tipicamente le zanzare, zecche – per insinuare le uova negli organismi. Le uova sfruttano il morso dell’insetto per penetrare nella pelle o semplicemente si lasciano cadere sul futuro ospite.

Fonte: articolo pubblicato sul sito ambientebio.it – qui è possibile leggere l’articolo originale