Cimici dei letti: cosa sono e come identificarle

identificare e riconoscere cimici dei letti

Le cimici dei letti (cimex lectularius) sono una specie di ectoparassiti ematofagi molto piccoli che si nutrono di sangue o di altri animali a sangue caldo. Hanno una forma ovale leggermente schiacciata e sono di colore rosso-brunastro. Questi parassiti si attaccano facilmente ai tessuti, proprio per questo motivo è molto facile trovarli nei materassi ma anche in altri luoghi come divani, tappeti, i sedili dei pullman e così via. A differenza degli scarafaggi, la comparsa delle cimici da letto non è causata dalla poca igiene, al contrario, esse possono nascere e vivere anche in ambienti molto puliti e curati.

Le punture delle cimici si manifestano sulla pelle con dei piccoli punti rossi simili alla puntura della zanzara e solitamente causano prurito. Le parti più colpite sono quelle scoperte dai vestiti quindi collo, mani, braccia, viso. In alcuni casi possono provocare anche delle reazioni allergiche o infezioni soprattutto dopo ripetute punture, in questo caso è consigliabile il parere di un medico.

I segni di infestazione più evidenti sono senza dubbio le tracce di esuvie (il rivestimento del loro corpo), frammenti corporei e cimici morte visibili nei principali posti dove si sono annidate. Inoltre, è possibile ritrovare anche le loro uova che si presentano di colore biancastro. Infine, possiamo accorgerci di un’infestazione trovando delle macchie fecali di colore nerastro/marroncino sulle cuciture di materassi, divani e così via.

Fonte: articolo pubblicato sul sito triesteprima.it – qui è possibile leggere l’articolo originale