Allarme zanzara tigre, scatta il piano prevenzione

allarme zanzara tigre

Il piano prevenzione dell’Usl Umbria 1

Arginare il fenomeno primaverile-estivo della presenza e del diffondersi delle zanzare. In particolare della più temibile zanzara tigre. Il Piano è stato elaborato dall’AUSL Umbria 1 e prevede una serie di iniziative rivolte direttamente cittadini, soggetti pubblici, amministratori di condominio, società e associazioni che dovranno adottare tra il primo del mese di aprile ed il 31 ottobre 2018.

Quali sono le regole da rispettare

A tutti i cittadini, soggetti pubblici, amministratori condominiali, società che gestiscono le aree di centri commerciali, artigianali, industriali di:
1- non abbandonare negli spazi pubblici e privati, compresi terrazzi e balconi, contenitori di qualsiasi natura e dimensione (barattoli, secchi, bidoni, vasche) nei quali possa raccogliersi acqua piovana;
2- eliminare negli orti, nei giardini, nei cantieri, qualsiasi prolungata raccolta di acqua in contenitori non abbandonati ma sotto il controllo di chi ne ha proprietà o l’uso effettivo (annaffiatoi, secchi, sottovasi, ecc.);
3- prosciugare completamente le piscine non in esercizio e le fontane; in alternativa eseguirvi adeguati trattamenti larvicidi oppure immettervi pesci larvivori; qualora le piscine vengano ricoperte con teli è necessario svuotare settimanalmente l’acqua accumulatasi;
4- trattare l’acqua presente in tombini, griglie di scarico, pozzetti di raccolta delle acque, ricorrendo a prodotti contro le larve di zanzara. La periodicità dei trattamenti deve essere congruente alla tipologia del prodotto usato. Il trattamento contro le larve di zanzara può essere eseguito direttamente da parte degli stessi proprietari o utilizzatori, a tal proposito dovrà essere conservata la documentazione attestante l’avvenuto trattamento o il documento di acquisto dei prodotti.

Fonte: articolo pubblicato sul sito perugiatoday.it.
qui è possibile leggere l’articolo originale