Allepyris Ruficrus

Biologia e ruolo patogeno Allepyris Ruficrus

Allepyris Ruficrus – caratteristiche

Si tratta di un microimenottero simile a una piccola formica di colore marrone scuro e lungo circa 2 mm. E’ un parassita di larve di coleotteri infestanti, in grado di determinare nell’uomo manifestazioni cutanee fortemente pruriginose.
La sua presenza sembra legata allo sviluppo larvale di coleotteri infestanti della famiglia Dermestidae, dei generi Anthrenus. Attagenus e Thylodrias, di cui è parassita, o, al momento della sciamatura, anche di coleotteri Anobliae.
E’ un parassita di artropodi infestanti, sia all’interno di abitazioni che di industrie della filiera agroalimentare ed è in grado di interagire con l’uomo, determinando fastidiose dermatiti.

Ruolo patogeno

Colpisce sempre più frequentemente gli operatori delle industrie agroalimentari, che maneggiano vecchio materiale attaccato da infestanti e loro parassiti; spesso nei magazzini e negli ambienti di lavorazione dei prodotti alimentari, i residui non eliminati fungono da substrato per lo sviluppo larvale di infestanti e creano le condizioni per lo sviluppo di artropodi patogeni.
Nelle abitazioni lo si ritrova in vecchi pacchi di pasta o di farina dimenticati nella credenza ed infestati da lepidotteri (es. Plodia) o coleotteri parassiti (es. Tribolium, Oryzaephilus).

Fonte: Artropodi di interesse dermatologico in ambiente confinato – pubblicazione Prof. Mario Principato – Resp. Scientifico del Centro di Ricerca Urania di Perugia

Monomorium Destructor

Biologia e ruolo patogeno Monomorium Destructor

Monomorium Destructor – caratteristiche

Sono insetti di colore marrone-giallastro, delle dimensioni di 1,8-2 mm, munite di un forte aculeo retrattile attraverso il quale pungono la cute dell’uomo. Ciò accade prevalentemente quando questi insetti si ritrovano chiusi in un ambiente confinato e l’uomo è l’unico ospite possibile. Le formiche vengono attratte all’interno delle abitazioni dall’odore del cibo e da residui alimentari di vario genere.
Sono onnivore ma più frequentemente si ritrovano inj presenza
di cibi dolci quali succhi di frutta, sciroppi, mostarde e dolciumi; viene quindi isolata nelle case, nei supermercati, negli alberghi e nelle industrie agroalimentari.

Ruolo patogeno

E’ una specie molto frequente in Italia, spesso coinvolta in episodi di dermatite indoor; è conosciuta nei paesi tropicali come “the Singapore ant” ed è causa di seri danni ai rivestimenti in plastica di fili elettrici e telefonici.
Sviluppa in ampi nidi limitrofi ai muri delle abitazioni o anche nei sottotetti. Da qui penetra poi all’interno delle case attratta dagli odori di cibo provenienti sopratutto dalla cucina.
E’ nota in tutto il mondo per l’aggressività nei confronti dell’uomo, che punge ripetutamente con il suo acuminato aculeo., determinando lesioni eritemato-edemato-vescicolari, con l’aspetto tipico dello strofulo, localizzate in particolare al tronco e agli arti superiori.

Fonte: Artropodi di interesse dermatologico in ambiente confinato – pubblicazione Prof. Mario Principato – Resp. Scientifico del Centro di Ricerca Urania di Perugia