moscerino acquatico

Biologia e ruolo patogeno Odagmia Monticola – moscerino acquatico

Odagmia Monticola – moscerino acquatico – caratteristiche

Sono piccoli moscerini gibbosi caratterizzati da grandi occhi e grandi ali glabre con poche venature. Il ciclo di sviluppo della specie si svolge in due diversi ambienti: le acque correnti dove vivono le larve e le pupe, e quello aereo, dove vivono gli adulti.
Poiché le acque dove si trovano questi esemplari sono sempre correnti, l’insetto viene trascinato violentemente a distanza più o meno grande dal punto di sfarfallamento e ciò contribuisce ad aumentarne la diffusione su un territorio. Il più delle volte, galleggiando sull’acqua, approda alle rive e si aggrappa alle erbe ed alle rocce, dove consolida la propria cuticola.

Ruolo patogeno

In Italia le punture da parte di questi infestanti sono frequenti e si verificano spesso in riva ai fiumi ma anche in alta montagna e, talvolta, persino sulla terrazza di certe abitazioni esposte alla sciamatura nuziale di questi insetti.
L’aggressione, più spesso di gruppo, può essere molto fastidiosa e la puntura piuttosto dolorosa. Talora il fastidio è dovuto al fatto che decine di questi insetti, prima di pungere, camminano velocemente sulla pelle e si infilano dentro gli abiti e la biancheria.
Altre volte, invece, la puntura simultanea di certe specie causa febbre e cefalea; le sedi colpite si presentano caratterizzate da estesi eritemi ed edema.

Fonte: Artropodi di interesse dermatologico in ambiente confinato – pubblicazione Prof. Mario Principato – Resp. Scientifico del Centro di Ricerca Urania di Perugia