Tingide del platano

tingide del platano

La tingide del platano

E’ un insetto emittero della famiglia tingidae, riconoscibile per la presenza di un protorace dotato di due espansioni fogliacee reniformi bianche e di un cappuccio sul capo che le conferiscono un curioso aspetto. E’ una specie di origini americane he ha fatto il suo ingresso a metà degli anni ’60 e che vive principalmente sui platani, il Platano occidentale e quello Comune, non disdegnando altre specie di latifoglie quali Gelso da carta, Noce nero e Frassino.

Conosciamolo più da vicino

Il Tingide compie fino a tre generazioni all’anno. Gli adulti trascorrono l’inverno al riparo della corteccia dei fusti e dei grossi rami degli alberi oppure delle fessure degli infissi e tapparelle delle abitazioni circostanti.
La presenza dell’emittero per i platani rappresenta un vero e proprio flagello. Le punture di nutrizione degli adulti e delle forme giovanili provocano la comparsa di punteggiature clorotiche in prossimità delle nervature delle foglie che poi si estendono con il tempo fino ad interessare l’intero lembo, causando ingiallimento della foglia e successivo disseccamento.
In ambienti urbani, lungo i viali o nei parchi, elevate infestazioni di questo parassita creano non pochi disagi alle persone a causa della loro introduzione all’interno delle abitazioni, sopratutto nei mesi di settembre e ottobre, quando sono alla ricerca di siti di svernamento.

Interventi del disinfestatore

Un intervento da effettuarsi sulla vegetazione, preferibilmente di individui ancora giovani può essere realizzato in primavera contro le neanidi della prima generazione mediante l’utilizzo di prodotti insetticidi caratterizzati da ridotta tossicità, quali quelli a base di deltametrina, piretrine naturali. In alcuni contesti si sono ottenuti buoni risultati con la tecnica della lotta endoterapica che prevede iniezioni controllate al tronco delle piante di apposite formulazioni a base di imidacloprid o abamectina.

Fonte: articolo pubblicato sul periodico T&C Tecniche e Curiosità a cura di Colkim srl, redatto da Roberto Vatore, Responsabile Tecnico Colkim per la regione Campania.