Conosciamo le cimici dei letti, incubo dei viaggiatori

Cimice dei letti

Questi animaletti di colore marrone-rossastro sono lunghe 7/8 mm ed hanno il corpo schiacciato , si muovono solo di notte, quando è buio. Escono dalle loro tane, fatte all’interno del materasso o nei buchi dei muri e saltano addosso alla vittima prescelta, cercando una vena superficiale per succhiargli il sangue.
Diversamente da altri insetti non sono vettori di trasmissione di malattie pericolose per l’uomo, le loro punture si riconoscono perché sono delle bolle arrossate con un puntino più scuro al centro, e sono molto fastidiose perchè pruriginose, vanno via da sole dopo pochi giorni.
Non solo soltanto i viaggiatori le vittime di questo parassita, ma anche i pellegrini. L’Ufficio per il Turismo avverte i pellegrini della presenza di queste pulci da letto presenti sul cammino , non solo negli ostelli, ma anche negli alberghi a più stelle.
Alcune semplici regole da osservare per cercare di attenuare se non azzerare il rischio di essere punti fanno riferimento al controllo del letto e del materasso prima di stendersi, tenere gli indumenti chiusi in sacchetti e, al ritorno a casa, lavare gli indumenti con acqua calda, eliminando così le pulci e le uova deposte e, ovviamente, controllare bene zaini e valigie.

Leggi la fonte della notizia